mafalda7– Prima via la targa. Si, dico quella che c’era in biblioteca, già non ricordi più? Eppure sembravi indignato! Comunque, dicevo, hanno sradicato anche l’albero, pensa! Sisi, quell’ulivo piantato per onorare la sua memoria. Come “e adesso”? È chiaro. Adesso ci indignamo e protestiamo. Non si può lasciare che un sindaco leghista (di merda) a cui brucia il culo faccia icche gli pare quando gli pare e come gli sconfinfera. No, vabbè, per l’ulivo non è stato lui di persona. Ha solo scatenato il gesto. È ovvio che ad ogni azione corrisponde una reazione. A quanto ne so io, i profanatori di targhe vengono arrestati. Il “signor” Cristiano Aldegani, sindaco di Ponteranica in provincia di Bergamo, ha profanato la targa dedicata a Peppino Impastato. Viva, viva l’Italia, viva il Bel Paese, dove persone che hanno combattuto la mafia e sono MORTE per questo valgono meno delle escort di Silvio Berlusconi! –



Annunci